Migliori stufe elettriche 2018

Informazioni generali sulle stufe elettriche

Arriva l’inverno e subito si pensa a come riscaldare la casa senza eccedere in quelli che sono dei prezzi e dei consumi super elevati. Lo so che per tutti è così, perché anche io, quando iniziano i primi freddi, mi chiedo sempre quanto mi convenga accendere i termosifoni o lasciare tutto spento e trovare un metodo alternativo per riscaldare la stanza o l’ufficio. In questo caso si pensa sempre alla stufa elettrica perché le stufe elettriche sono quelle che costano meno, soprattutto se stiamo parlando di stufe elettriche a basso consumo danno una certa quantità di calore senza far spendere chissà quanti soldi di bolletta, che è di certo una cosa molto interessante. Infatti la stufa elettrica a basso consumo è la stufa elettrica migliore che si possa trovare sul web ma va detto che, con un po’ di impegno sarà facile trovare la stufa elettrica migliore anche in quelli che sono i negozi di elettrodomestici della vostra città. Una mini stufa elettrica è molto intelligente come spesa anche perché una stufa elettrica portatile, quella stufa eletrica che si può trascinare anche in vacanza, sarà una bella spesa che potrà essere sfruttata in tutte le zone della casa e anche fuori dalla nostra casa. Ma sono le stufe elettriche ventilate le migliori stufe elettriche? Probabilmente le migliori stufe elettriche saranno, sempre e comunque, quelle che serviranno proprio per le nostre esigenze. Sappiamo tutti che questo tipo di stufa ha un circuito elettrico con delle resistenze che spargono calore all’esterno e, ovviamente, più potente è e più calore viene disperso all’esterno. Ma non per forza una stufa potente sarà una stufa troppo grande, quindi parecchio ingombrante per la nostra casa, anzi una piccola stufa elettrica può essere così potente da poter riscaldare un intero ambiente della casa. Le piccole stufe elettriche sono quelle più vendute in assoluto, anche perché si possono spostare parecchio facilmente ed è anche pensabile portarla in bagno prima di una doccia, così da non dover accendere i termosifoni di prima mattina, soprattutto se poi in casa ci si torna solo la sera. Ma di una stufa elettrica quali sono i prezzi? Anche in questo caso, come per moltissimi elettrodomestici per la casa non è che stiamo parlando di un unico prezzo standard ma abbiamo tantissimi modelli e tantissimi prezzi diversi. Soprattutto sul web sarà facile andare a cercare quelle che sono le offerte per le stufe elettriche e trovare una stufa elettrica economica che sia in grado di essere perfetta per quelle che sono le nostre esigenze e per quella che è la nostra casa. Si può anche pensare di andare a fare un giro da Expert e cercare quali siano le stufe elettriche che sono perfette per quello che dobbiamo fare o andare in altri punti vendita di stufe elettriche a dare uno sguardo a quelli che sono i modelli che più ci hanno interessato. Mi sembra doveroso, anche in questo caso e prima di spiegare nello specifico come funzionino queste stufe, parlarvi, per qualche secondo, di quello che è un grande problema degli acquisti on line e non solo. Se noi clienti non abbiamo nessuna idea di quale modello di stufa elettrica comprare, se non ne sappiamo abbastanza di come funzioni una stufa di quel genere allora è bene sfruttare quella che è la tecnologia e farlo a nostro favore. Se abbiamo dei dubbi non dobbiamo sentirci in imbarazzo nel momento in cui siamo indecisi, anzi dobbiamo sfruttare la nostra indecisione nel prendere più informazioni possibili sul modello che vogliamo comprare e sugli svantaggi e in vantaggi nel comprare proprio quel determinato modello invece di un altro. Dobbiamo anche dire che di solito viene acquistato il prodotto più economico per ovvi motivi di budget ma non per forza un modello economico è scadente così come non è vero che un modello costoso sia il migliore tra tutti quelli che abbiamo analizzato. Bisogna valutare una serie di elementi che sono molto importanti, cioè se il modello è quello giusto, che tipo di potenza ha, se non consuma troppa energia, se lo stiamo pagando poco perché è scadente o se lo stiamo pagando tantissimo solo per la marca e non per le reali funzioni. Tutto questo è molto importante perché è molto importante non fare acquisti alla cieca ed è bene sfruttare il materiale informativo che si trova sul web per comprare davvero quello che ci serve e non qualcosa che dopo qualche mese considereremo un acquisto sbagliato.

Come funzionano le stufe elettriche?

stufa elettricaDobbiamo ammettere che la stufa elettrica è uno di quegli elettrodomestici che può cambiare la gestione della nostra casa o del nostro ufficio. Ma come funziona? Funziona sempre con le resistenze elettriche, di cui vi ho già parlato prima, e di una ventola che si trova all’interno e che fa sì che si disperda il calore che viene generato dall’elettricità. Quindi, alla fine, possiamo dire che si tratta di elettrodomestico che funziona in una maniera davvero semplice ma al tempo stesso dobbiamo anche dire che è uno di quegli elettrodomestici che vengono usati da decenni, che sono sempre simili ma molto migliorati dal punto di vista tecnologico. L’idea di un buon elettrodomestico, a mio avviso, dovrebbe essere proprio questa, cioè quella di poter restare sempre indispensabile per la casa ma al tempo stesso rinnovarsi al passo con i tempi. Infatti questo prodotto non è stato mai tolto dal mercato, infatti direi che tutti noi ci possiamo ricordare i modelli che erano nelle nostre case quando eravamo piccoli, quando non c’erano termosifoni o stufe a pellet da dividere. E perché non ricordare anche i vicini, soprattutto con il riscaldamento condominiale, quindi acceso e attivo solo alcuni mesi all’anno. Ovviamente ai primi freddi, e con i termosifoni spenti, non si può non pensare a una stufa portatile con cui riscaldarsi al meglio. L’autunno è una stagione incredibile, con sbalzi di temperatura altrettanto incredibili, e una persona anziana o un bambino piccolo, quindi con dei sistemi immunitari più deboli, non possiamo non pensare al fatto che restino al freddo senza nessun tipo di riscaldamento.

Dimensioni e opzioni di design per le stufe elettriche

Dobbiamo anche dire che abbiamo un sacco di modelli di stufe differenti, quindi non possiamo non scegliere questo tipo di riscaldamento, molto economico, per la nostra casa.

Ogni modello ha le sue dimensioni e ogni dimensione è perfetta per quelle che sono le nostre esigenze. Quindi, prima di parlare di dimensioni, che sono tanto differenti, dobbiamo parlare di modelli di stufe, che è una cosa più intelligente da fare. Quelle che sono più comuni, tra tutte, sono le stufe ventilate. Sono quelle moderne per eccellenza e sono anche le più sicure. In questo caso abbiamo anche un certo risparmio energetico e va anche detto che c’è quasi sempre un termostato che è in grado di regolare la potenza della stufa, quindi non sarà mai al massimo per chissà quanto tempo. Sono facili anche da portare da una stanza all’altra o chiudere in un bel pacchetto e trascinarle con sé nella casa in campagna. A volte ci sono anche delle maniglie e delle rotelle che sono state applicate proprio per usarle con ancora maggiore serenità e leggerezza. Ci sono poi quelle che sono le stufe con la resistenza, che sono diverse proprio in base all’uso della resistenza che è o metallica o in ceramica. Questi modelli sono davvero molto efficienti ma consumano davvero tantissimo. Alcuni possono essere settati sulla potenza e questo aiuta parecchio ma altri no e questo tipo di prodotto è davvero il peggiore tra tutti quelli che si possono usare in casa perché non è il caso di incidere così tanto sulla bolletta. Va anche detto che esistono delle stufe radianti che sembrano delle stufe elettriche ma hanno un consumo più basso energetico. Allora, andiamo con ordine, quelli che sono i modelli con le resistenze hanno un consumo medio di circa 2kw e quindi riscaldano anche una stanza di 20 metri. Ovviamente più resistenze ci sono e più calore o modo di fare calore potrai scegliere. In questo caso, come abbiamo già scritto, il costo delle stufe è pochissimo ma il consumo in bolletta è veramente alto. Va bene tenerle in bagno o chissà dove, sempre un luogo piccolo, per pochissimo tempo anche perché sono piuttosto rumorose. Dobbiamo anche dire che questi sono dei modelli parecchio superati e anche se ci sono dei nostalgici del genere non possiamo assolutamente pensare che questo tipo di stufe sia sicuro, anzi molto probabilmente non saranno neppure più conformi a quelli che sono gli standard di sicurezza della comunità europea. Quelle che sono le stufe per il bagno hanno o la resistenza al quarzo, o in metallo o in ceramica. Perché in bagno, che è un ambiente umido, ci vuole una stufa che sopporti umidità e schizzi di acqua senza arrivare a incidenti domestici parecchio pericolosi. Infatti in quelli che sono i modelli da casa non è possibile avere la certezza che siano sicuri per il bagno, sarebbe bene comprare questo tipo di stufe, invece, che sono perfette per il bagno e che non ci diano preoccupazioni con l’acqua. Abbiamo anche quelle che sono le stufe alogene che sono proprio quelle più consigliate per un bagno. Queste stufette hanno delle lampade alogene che si accendono quando passa la corrente e si riscaldano. Il consumo, in termini di corrente, è veramente pochissimo ma dobbiamo anche dire che le queste stufe/lampade durano altrettanto pochissimo, soprattutto se se vengono usate spesso. Quelle al quarzo hanno delle lampade che sono fatte dello stesso materiale. Non superano gli 800 watt di potenza e quindi sono meno potenti di quelle alogene. Non sono molto usate e questo, a mio avviso, è un peccato perché sono delle ottime stufe, forse un po’ più care, ma che hanno anche delle ottime funzionalità in grado di rendere anche il cliente più esigente felice del funzionamento. Devo anche dire che ci sono anche le stufe ad infrarossi che sono fantastiche tra potenza e anche risparmio energetico. Queste hanno un pannello che crea energia da subito, dal momento in cui si accende la stufa. Questo calore vive nella stanza, viaggia e riscalda quelli che sono i corpi fisici che incontra nel suo raggio, quindi sia oggetti inanimati che persone. L’aria, però, non viene riscaldata, cioè il risparmio è proprio in questo: le stufe hanno un target a cui indirizzare il calore, non riscaldano tutto consumando energia. Ci sono, poi, dei modelli che funzionano solo a terra, cioè sono da pavimento, hanno una base parecchio larga e anche parecchio stabile che rende molto più semplice restare in equilibrio. Queste stufe girano anche su se stesse di 90 gradi, così che il calore si distribuisca nella stanza in maniera omogenea. Abbiamo, in realtà, davvero un sacco di modelli, ci sono quelli da scrivania che sono perfetti per l’ufficio o per il computer. Questa cosa è veramente utile, soprattutto se abbiamo un timer che permette di farci decidere quando accendere e quando spegnere. Parliamo anche di modelli che sono in grado di riscaldare degli ambienti parecchio grandi, cioè onestamente stiamo parlando di stufe potenti.

Devo dire che, dopo tutta questa carrellata, abbiamo capito che queste stufe hanno un costo veramente basso. E’ difficile anche scegliere quelle che siano le stufe migliori. Ovviamente bisogna sempre scegliere in base a quelle che sono le tue esigenze, quindi anche le dimensioni e i materiali non possono che essere differenti.

Se vogliamo invece parlare di design allora qui andiamo su quelli che sono i modelli e i materiali più in voga. Le nuove stufe sono leggere, o sono di plastica o sono di alluminio, così sono più facili da spostare. Ci sono anche un sacco di modelli con le ruote, che hanno anche le maniglie per essere trasportate più facilmente, che sono anche carine da tenere in stanza, come complemento di arredo. Non bisognerà mai più prendere la stufa, bruttina, e nasconderla all’arrivo del primo ospite esterno. Le nuove stufe sono anche più tecnologiche, perfette per essere usate nel tempo, sono più sicure e sono molto facili da usare. Quelli che sono i modelli più economici hanno un fusibile che si chiama di rete all’interno della stufa. Quelle più moderne non lo hanno all’interno così che se si dovesse rompere si può sostituire senza aprire l’intera stufa. Ma non è questa l’unica novità tecnologica, stiamo parlando di stufe che sono un must have in ufficio e in casa, sono usate in case di studenti, in uffici, in ogni ambiente in cui è meglio, per spreco o per mancanza di denaro, non accendere i termosifoni. Dobbiamo anche dire che mentre prima avere una stufa in casa era anche avere in casa un possibile pericolo negli ultimi anni questo tipo di prodotto è sempre conforme alle regole della comunità Europea, è molto più sicuro, ha delle funzioni di autospegnimento che sono fondamentali in caso di incidenti fortuiti.

Fascia di prezzo media per le stufe elettriche

Il prezzo di queste stufe è davvero incredibile, parliamo di stufe che costano poco più di 15 euro e stufe che arrivano a costare quasi 200 euro. Ovviamente sono stufe differenti, che hanno optional differenti, quindi è bene ragionare su quelle che sono le nostre esigenze e quella che è la spesa che vogliamo fare. Questo è quello che va preso in considerazione sempre quando si tratta di stufe, anche perché i modelli sono tantissimi e abbiamo una vastissima scelta che passa da modelli davvero molto poco funzionanti a gioiellini della tecnologia.

Caratteristiche di sicurezza delle stufe elettriche

Questi elettrodomestici sono sempre usati seguendo quelle che sono le regole di sicurezza. E quindi noi dobbiamo essere anche sicuri di quelle che sono le norme di sicurezza per essere in regola e anche come rispettare queste regole per far sì che non avvengano tanti incidenti domestici. Alcuni di questi incidenti non possono non essere considerati anche mortali. Ovviamente con questo tipo di elettricità non si scherza per nulla.

Quello che va detto è che qualsiasi esperto di stufe è in grado di confermare quello che si può o non si può fare, quindi le leggi che ne regolamentano l’utilizzo e anche tutti gli accorgimenti del caso. Quello che si può dire è che la stufa deve avere la certificazione della Comunità Europea, come già detto in precedenza, e che abbia già effettuato tutti i test di sicurezza del caso. Quindi è sempre bene regolare l’intensità del nostro termostato per non avere problemi con un’aria irrespirabile e troppo calda che causa cefalea e anche problemi respiratori.

Se invece stai pensando di mettere quella che è la tua nuova stufa nel tuo bagno allora devi per forza cercare un modello, come dicevamo prima, che è stato fatto apposta per quello. Uno schizzo d’acqua, un’umidità troppo alta, romperebbe qualsiasi resistenza di una stufa che non è stata progettata per quello. Infatti questo è un punto su cui parlare un po’ di più perché la maggior parte di quelli che sono gli incidenti domestici sono causati dalle stufe in bagno. Bisogna soltanto essere un po’ meno avventati e leggere tutte le istruzioni che trovi sulla confezione e avere, quindi, un po’ di attenzione su quella che è la scelta iniziale, proprio, della stufetta che decidiamo di comprare. Oltretutto dobbiamo stare sempre, molto attenti, a quella che è la sicurezza di bambini e di animali, quindi fate in modo che non ci si avvicinino, che non ci sia umidità in casa o pavimento bagnato e pensate anche al fatto che questi oggetti non vadano esposti alla luce diretta del sole. D’altronde è sempre un oggetto che funziona con elettricità e con il calore, quindi non è che non possa essere pericoloso. Togli la stufa dagli ostacoli, fai sempre aerare a anche ventilare. L’importante, sempre per esserne sicuri, è che la stufa non si surriscaldi e che non cada, anche accidentalmente. Un sovraccarico di corrente porta la stufa a creare corti circuiti piuttosto pericolosi, sia chiaro. Una stufa del genere non va mai lasciata di notte accesa o in quelle stanze in cui nessuno entra mai e quindi nessuno ci vigila su. Dobbiamo anche dire che se andiamo via, anche per qualche minuto, sarebbe sempre meglio spegnerla. Oltretutto una stufa accesa con degli animali o con dei bambini che sono da soli non è mai una buona idea. Oltretutto se la stufa è vecchia o non è potente tende a surriscaldarsi nel tempo. Il consiglio è sempre quello: informati, leggi le istruzioni. Dobbiamo anche dire che sappiamo benissimo che sembri una scocciatura incredibile leggere tutte quelle pagine ma è sempre meglio sapere quello che si va a fare.

Alternative alle stufe elettriche

Le alternative migliori alle stufe elettriche sono i termoventilatori o i termoconvettori. Dobbiamo dire che in entrambi i casi i prodotti sono quasi simili, solo più moderni ancora. Quello che più ci deve interessare, e di questo ne siamo convinti, è proprio la sicurezza e il consumo di questo tipo di oggetti nelle nostre case. I modelli più moderni di queste alternative, sempre elettriche, sono molto attenti a quelli che sono i consumi. Tanto che dobbiamo anche dire che moltissimi modelli hanno proprio il telecomando o un termostato molto interessante che abbassa i consumi in corso o che può programmare quando accendere la stufa e per quanto tempo vogliamo. Questo è interessante perchè se ci addormentiamo la stufa non resterà accesa, né a consumare, né a sovraccaricare. Si spegnerà comunque quando abbiamo deciso.

Vantaggi e svantaggi delle stufe

Abbiamo già detto che il riscaldamento centralizzato non è la soluzione migliore per quello che è il calore in tutte le stanze, specie se la casa è grande. Ovviamente d’inverno, soprattutto se ci troviamo già in un posto dove di solito fa freddo, siamo svantaggiati. Chi ha in casa bambini o anziani sa bene che il clima in casa deve essere di un certo livello. Allora qual è la soluzione?

Questo elettrodomestico vintage, questa stufa elettrica, è la nostra soluzione migliore. Basta poco per riscaldare una stanza, basta poco che il calore si irradi dove vogliamo.

Una stufa elettrica serve per riscaldare anche una sola stanza senza dover accendere i riscaldamenti e quindi questo fa risparmiare parecchio sulla bolletta. Una stufa, anche piccola, è perfetta per il bagno o per la camera dei piccoli, anche tenuta a bassa temperatura. Ognuno di questi apparecchi è molto discreto, non ingombra e non è neppure rumoroso. Ricordati di tenere sempre l’apparecchio abbastanza lontano da te, non farti prendere dall’idea che questo tipo di apparecchio debba starti accanto. Fa male alla testa e fa male agli arti averlo vicino, è bene pensare di tenerlo lontano e a lungo, specie se l’apparecchio è testato per un basso consumo.

Perché il vero grande svantaggio di queste stufe è che queste stufe consumano davvero tantissimo, soprattutto quelle economiche, e quindi questo è un grande svantaggio, soprattutto per chi non sa che basta comprare una stufa un po’ più moderna per avere, poi, un consumo più basso e controllato, una funzione ECO che è in grado di tenere la stufa accesa a lungo senza incidere sulla bolletta di casa.

L’altro svantaggio, ovviamente, è quello del possibile surriscaldamento e quella che può essere poi la successiva situazione che si viene a creare, tra calore e un possibile incendio. I bambini, noi stessi, i nostri cani, i nostri gatti, questo tipo di pericolo è evidente e quindi dobbiamo essere molto attenti con questo tipo di apparecchio. Parliamo di un apparecchio che è in grado di cambiare la nostra vita in meglio ma che è un elettrodomestico con un calore evidente e delle resistenze che si surriscaldano. E questa cosa va messa in discussione ogni momento, soprattutto se decidiamo di comprare un apparecchio scadente. Nessun apparecchio scadente ha a che fare con quelli che sono i nuovi apparecchi che sottostanno alle regole dell’Europa. Basta comprare un elettrodomestico normato CE e nessun problema ci sarà.

Come scegliere una stufa elettrica?

stufe elettricheQuando e come scegliere una stufa? Prima di tutto bisogna capire quale sia il modello che ti piace di più tra quella al quarzo, quella ad infrarossi o quella più tradizionale. Ovviamente bisogna anche dire che tutte queste stufe si somigliano abbastanza, quindi a cambiare sono più che altro gli optional. Ci sono, però, dei punti che è bene tenere in considerazione. Prima di tutto dove vogliamo mettere la stufa? Se abbiamo un salone bello grande probabilmente penseremo di comprare un modello più grande, da pavimento, più potente, che si allunghi in verticale e che dia più calore. Casomai se invece la stanzetta è più piccola avremo bisogno di una stufa più piccola e che non sia troppo potente. Poi da lì torniamo al classico problema del bagno, quando saremo costretti a impegnarci un po’ di più per comprare un modello che sia resistente all’acqua e che quindi non vada in corto con uno schizzo. Ovviamente è sempre una questione di spazio più che altro perché se una stanza è bella grande non possiamo mai immaginare di poter comprare una stufa piccola, casomai che non arriva a mille watt di potenza e pensare di poterla riscaldare tutta. A quel punto sarebbe meglio comprare un modello a parete che però consuma anche un bel po’ se non è un modello nuovo con la funzione che serve a risparmiare energia elettrica, soprattutto se tenuta accesa a lungo. Non penso di dire una stupidaggine se sto lì a dirvi, sempre, di controllare sul web quelli che sono gli articoli informativi sui vari modelli di stufa per imparare quelle che sono le funzioni principali. Più ne sappiamo e più siamo in grado di fare un acquisto che ci serva davvero. Questa è una cosa importante, certamente la cosa più importante che possiamo fare.

Suggerimenti sull’utilizzo delle stufe elettriche

Quando prima vi ho detto che una stufa elettrica può cambiarci la vita di certo non stavo esagerando. Se siamo costipati dalla scelta di usare per forza il riscaldamento con delle bollette salate una stufa elettrica può abbassare, e di molto, i consumi. Parliamo di una stufa che può essere usata nelle ore che vogliamo, nella stanza che vogliamo, con la potenza che vogliamo. Vi raccomandiamo di usarla, soprattutto, se in casa ci sono anziani e bambini e di avere sempre attenzione a quella che è la posizione della stufa per non creare incidenti cretini che ci possano mettere in pericolo. Parliamo di una stufa che fa il suo dovere se consuma poco e riscalda tanto, quindi controllate sempre quello che volete per essere convinti dell’acquisto e che quell’acquisto faccia al caso vostro. Ricordatevi anche di comprare il modello giusto per il bagno, è molto importante questo passaggio perché non potete immaginare quanta gente ha distrutto impianti elettrici e ha creato incendi dal nulla solo per aver scelto un modello sbagliato di stufa. E di certo non è una cosa che vogliamo accada, anzi. E’ molto importante avere in mente il modello giusto, è molto importante sapere quello che si vuole comprare, è molto importante pensare di avere il modello che ci piace di più e che non ci faccia consumare tanta energia.

Come prendersi cura di una stufa elettrica?

Qualsiasi elettrodomestico che abbiamo in casa è giusto che abbia a che fare con la nostra cura, la nostra migliore cura. E questo è molto importante, basta un panno umido per cambiare quella che è la situazione e l’aspettativa di vita di un prodotto che abbiamo in casa. Basta pulirlo, aggiustare un po’ i filtri, usare un pennellino per le fessure e sarà molto facile avere la stessa stufa per anni. Vi prego, ancora e ancora, di non lasciare accesa la stufa a lungo, di non dimenticarla lì. Controllate sempre che sia spenta prima di uscire o prima di andare a dormire. Si tratta proprio di attenzione nei confronti degli oggetti di casa e anche di attenzione nei confronti della propria incolumità, questo è più che evidente.